“Non chiamatemi entry-level”…sono la X-T200

La nuova X-T200 colpisce immediatamente per le dimensioni ridotte, tuttavia non fatevi ingannare, al suo interno c’è tanta qualità, cosi’ tanta da poter pensare (da professionista) a questa nuova T200 come macchina da avere sempre con me, come muletto, come VLOG camera, come macchina da tutti i giorni, siano essi lavorativi o vacanze.

Il concetto di entry-level in effetti andrebbe rivisto, sopratutto quando si parla di qualità del file. 

X-T200 -ISO800 ©Simone Raso

Questo l’aspetto che più mi ha colpito. 

Sia usata con il suo obiettivo di KIT (l’ XC 15-45mm f/3.5-5.6 )

e ancor di più se usata con le ottiche della serie XF, la prima cosa che noterete importando le immagini sul vostro computer  la qualità sia del JPG che del RAW.

File, come si dice in gergo, puliti ed estremamente lavorabili, sinonimo di grande quantità di informazioni e dettagli.

X-T200 – ISO 1600 ©Simone Raso

Ho spinto la macchina al suo limite, facendo qualche scatto in situazioni dinamiche a ISO alti (negli esempi basket parliamo di 4000 ISO, le foto sono solo ridimensionate).

L’AF è reattivo quanto basta per gestire ogni situazione, l’inseguimento non è ovviamente all’altezza delle sorelle maggiori, ma il tutto è compensato da una estrema semplicità di utilizzo.

Non voglio fare l’indovino, ma secondo me questa macchina piacerà davvero a tanti!

Due parole in più…

Vi lascio con qualche immagine …

X-T200 – ISO 4000 ©Simone Raso
28 Febbraio 2020

0 responses on ""Non chiamatemi entry-level"...sono la X-T200"

Leave a Message

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

top
World Photo Hunter  © 2020  -  All rights reserved - WPH di Simone Raso P.IVA 02838150122 TERMINI E CONDIZIONI - PRIVACY POLICY
X